Sala ‘900 - Polo del ‘900 - Via del Carmine 14, Torino

Dal femminismo alla rivoluzione post-lavoro; dall’egemonia di destra alla futurabilità; dall’automazione alla distopia, sono le tematiche affrontate, da febbraio ad aprile 2019, attraverso il ciclo di incontri Gramsci Off, promosso dall’Istituto Antonio Gramsci e curato da Hamilton Santià, con l’intento di interrogare la complessità del presente per costruire un’infrastruttura di pensiero per il futuro, una prossima visione alternativa.
Alcuni dei concetti chiave della dottrina di Antonio Gramsci, come l’Egemonia e la Grande Intelligenza, ossia l’idea, espressa in Letteratura e vita nazionale, che sia necessario creare una nuova cultura capace di generare una “nuova morale” e un “nuovo modo di vedere e rappresentare la realtà”, diventano la bussola per orientarci nel tempo presente e per condurci a “mirar le stelle” di un futuro che sta iniziando a permeare le vite di tutti noi.

Gramsci Off è una iniziativa dell’Istituto piemontese A. Gramsci, a cura di Hamilton Santià.


Prima parte del ciclo di appuntamenti Gramsci off:

7 febbraio 2019 |  h. 18,30
OLTRE LA DISTOPIA
con
Fabrizio Luisi e Pier Mauro Tamburini (del collettivo di autori La Buoncostume);
Marco Magnone (scrittore e coautore assieme a Fabio Geda della saga Berlin).

Ingresso libero con prenotazione su Eventbrite

 

14 marzo 2019 |  h. 18,30
XENOFEMMINISMO

con
Clara Ciccioni (sociologa e traduttrice del volume di Helen Hester Xenofemminismo);
Elena Viale (giornalista Vice Magazine).

 

4 aprile 2019 |  h. 18,30
IL MEDIOEVO DIGITALE

con
Corrado Melluso (direttore editoriale di Not);
Giorgio Gianotto (responsabile editoriale, Istituto della Enciclopedia Italiana Giovanni Treccani).

 

 

info:  011.83.95.402 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza i cookie per gestire la navigazione ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookie sul vostro dispositivo. Informativa privacy.

  Accetto i cookie da questo sito.