1921-2021 Riscrivere le parole della partecipazione. 

I cent’anni della nascita del Partito Comunista Italiano

 

 

“Ogni momento essenziale, della vita e della storia del Partito comunista italiano,
ogni svolta ha un risvolto torinese che merita di essere studiato e compreso
nel suo significato, che va oltre i limiti della storia cittadini”
[Giancarlo Pajetta]

 

A cento anni dalla nascita del Partito Comunista Italiano, La Fondazione Istituto piemontese “Antonio Gramsci, propone un percorso che, dalla prospettiva storica già sviluppata negli anni passati attraverso ricerche specifiche sul PCI torinese, si concentrerà sullo straordinario lavoro di radicamento e coesione sociale che quell’esperienza ha saputo costruire: la presenza nei luoghi di lavoro (le fabbriche in primis), la diffusione sui territori, nei quartieri (l’attività delle sezioni), rispondendo da un lato ai bisogni concreti delle classi lavoratrici, contribuendo dall’altro alla crescita intellettuale, morale, civile delle proprie comunità, anche attraverso lo sviluppo di un sistema culturale e ricreativo articolato mediante la mobilitazione degli intellettuali che si riconoscevano nelle idee di progresso civile e sociale di cui il PCI era portatore e, infine, con l’organizzazione di quella straordinaria esperienza di condivisione collettiva, militanza e partecipazione attiva che hanno rappresentato i Festival de l’Unità.

 

 Il progetto
Sarà un percorso che metterà in evidenza il ruolo del PCI nello sviluppo della città, individuando gli elementi fortemente innovativi di quell’esperienza attraverso le voci e le testimonianze dei protagonisti, dei militanti, dei dirigenti, e le fonti d’archivio conservate presso la Fondazione.
Si approfondiranno attraverso webinar e incontri in presenza, quando l’emergenza sanitaria lo permetterà, i seguenti temi: il lavoro, la salute in fabbrica e la sanità, la scuola, il governo della città, i quartieri, il tempo libero, l’innovazione tecnologica, l’integrazione e l’inclusione - dalla immigrazione interna dal Nord-Est e dal Sud Italia a quella extracomunitaria già negli anni ‘80, la politica culturale. Esperienze che non si sono esaurite, ma che ritroviamo ancora oggi attive nella società civile e nella politica. Lungo l’anno, ogni mese, una data per un evento storico rappresentativo di un tema, di una parola, raccontata in un podcast, attraverso le parole di una curatrice o un curatore, individuato tra i protagonisti, se ancora in vita, o tra gli storici che l'hanno studiata. Ogni parola sarà poi consegnata a un giovane under 35 cui verrà chiesto di reinterpretarla secondo la propria esperienza in quel campo. A fine anno, un convegno metterà confronto i testimonial di ieri e di oggi con l’obiettivo di scrivere un nuovo vocabolario della partecipazione politica, del fare politica.
Infine, una ricerca sulla partecipazione delle donne alla vita politica della comunità torinese, attraverso la creazione di un archivio delle donne comuniste di Torino, un percorso documentario, curato dalla storica Fiammetta Balestracci, che ricostruirà le attività svolte dalle donne nel partito per orientare studiosi e studiose nella ricerca.

 

 Le fonti
Ad accompagnare il percorso, un viaggio tra le immagini e le carte del fondo documentario archivistico e bibliografico della Federazione torinese del PCI, che copre l’arco cronologico 1945-1991, composto da archivi cartacei e iconografici ordinato, digitalizzato e consultabile attraverso la piattaforma 9centRo, l’hub archivistico del Polo del’900 di cui l’Istituto Gramsci di Torino è ente partner e che presto arricchirà il nuovo Portale per la storia del PCI, coordinato dalla Fondazione Gramsci di Roma e in collaborazione con gli altri istituti Gramsci che conservano gli archivi delle strutture periferiche del Partito.
Per Torino, sono ora già disponibili 3200 documenti, 12800 fotografie, 1270 manifesti, 20 testate giornalistiche di fabbrica prodotti dal 1945 al 1991, oltre che l’intera collezione dell’edizione piemontese de l’Unità, tutto in formato digitale. Lungo tutto l’anno talk in streaming o in presenza, presentazioni di libri, proiezioni cinematografiche e spettacoli teatrali. 

 

 

Il primo appuntamento pubblico si è svolto il 5 febbraio, con la presentazione del libro di Piero Fassino, Dalla rivoluzione alla democrazia. Il cammino del Partito comunista italiano, 1921-1991, edito da Donzelli.
Assieme all’autore, sono intervenuti lo storico Giovanni De Luna, il presidente della Fondazione Polo del 900, Sergio Soave, e il presidente dell’Istituto Gramsci di Torino, Gianguido Passoni. Online sui social media - Facebook e Youtube - dell’Istituto Gramsci e del Polo del ‘900.

Il secondo appuntamento pubblico  dal titolo Il PCI comunità morale, si è tenuto giovedì 25 marzo 2021. l'iniziativa ha preso le mosse  dal Convegno nazionale del Pci Politica e questione morale,  Torino 20-22 marzo 1987. Interventi: Gianguido Passoni (Presidente della Fondazione Istituto piemontese Antonio Gramsci), Luciano Violante (Presidente emerito della Camera dei Deputati)  e Mario Dogliani (Costituzionalista);  modererà: Marina Cassi (Giornalista).
Online sui social media - Facebook e Youtube - dell’Istituto Gramsci 

Il terzo appuntamento pubblico  dal titolo Cultura e Scuola per le comunità sarà venerdì 16 aprile 2021, ore 18.00 in diretta streaming sulla pagina Facebook e sul canale Youtube della Fondazione Istituto piemontese A. Gramsci. 
"Dai Punti verdi a Settembre Musica, dalle esperienze del tempo pieno nelle scuole con progetti  di insegnanti e genitori, la Torino amministrata da Gianni Dolino, Giorgio Balmas e Fiorenzo Alfieri e dal PCI  è stata laboratorio di innovazione sociale e culturale ed esempio per le altre grandi città italiane. A questi temi è dedicato il secondo appuntamento del progetto PCI 1921-2021". 
Intervengono: Gianguido Passoni (Presidente della Fondazione Istituto piemontese Antonio Gramsci), Eleonora Artesio (Consigliera comunale della Città di Torino), Matteo Bagnasco (Fondazione Compagnia di San Paolo), Walter Vergnano (Presidente di Corso d'Opera Torino) e Sergio Scamuzzi (Comitato scientifico della Fondazione Istituto piemontese Antonio Gramsci)

 

 

 

Contatti

Fondazione Istituto piemontese “Antonio Gramsci”
Polo del ‘900 - Palazzo San Daniele
Via del Carmine, 14 - 10122 - Torino
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
011 839 54 02 (lun. - ven. dalle 9 alle 13)

https://www.facebook.com/FondazionePiemonteseGramsc
i
https://www.instagram.com/istitutogramscitorino/?hl=it
https://www.youtube.com/channel/UC8v-fYf2tMp4--SrQHtiPHA

 

 

Questo sito utilizza i cookie per gestire la navigazione ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookie sul vostro dispositivo. Informativa privacy.

  Accetto i cookie da questo sito.